Pilot

Al di lÓ del tempo e dello spazio

pilot

Scritto da: Chris Carter
Diretto da: Robert Mandel
Data di trasmissione USA: 10 Settembre 1993
Data di trasmissione Italia: 29 Giugno 1994

La puntata inizia con un rapimento alieno e una ragazza che viene ritrovata senza vita nei boschi dell'Oregon, con due strani segni sulla schiena.
Nel frattempo a Washington, Dana Scully viene nominata come collega di Fox Mulder, soprannominato Spooky (spettrale) per le sue convinzioni, che si Ŕ incaricato di progetti conosciuti come "X-Files", riguardanti fenomeni inspiegabili. Il suo compito Ŕ quello di redigere dei rapporti verificando se esistano sufficienti elementi per giustificare il lavoro agli X-Files. Inizialmente Mulder Ŕ sospettoso nei confronti di Scully, e le comunica di avere l'impressione che lei sia stata mandata a spiarlo.
Il giorno seguente i due agenti partono per indagare su una serie di omicidi di giovani nell'Oregon, che secondo Mulder presuppongono rapimenti e esperimenti alieni. Quattro compagni di classe sono stati trovati morti, ognuno con due segni sulla schiena. Mulder e Scully riesumano una vittima, ma nella bara ci sono solo i resti di una creatura umanoide, con uno strano strumento metallico nella cavitÓ nasale. Ci sono solo due superstiti: Billy Miles, il figlio dello sceriffo, che Ŕ ridotto a un vegetale, e Peggy O'Dell, bloccata su una sedia a rotelle.
Pi¨ tardi, lungo il tragitto in auto, i due vengono investiti da una luce improvvisa e il tempo Ŕ balzato avanti di 9 minuti, come accade spesso nei casi di avvistamento UFO, inoltre un altro ragazzo viene trovato morto.
Tornata in albergo, Scully scopre dei segni sulla sua schiena e temendo che siano come quelli della ragazza morta, corre nella stanza di Mulder, il quale la rassicura dicendo che sono solo punture di zanzara. Mulder inizia poi a spiegare alla collega i motivi della sua ossessione: sua sorella Samantha Ŕ stata rapita all'etÓ di 8 anni e questo fatto ha distrutto la sua famiglia. I suoi successi come investigatore e alcuni "contatti al Congresso" gli hanno permesso di continuare con il suo lavoro.
Poco dopo un incendio divampa nel loro albergo, distruggendo tutte le prove relative al corpo riesumato.
Gli agenti scoprono che Billy in realtÓ Ŕ la forza dietro la sequela di vittime: gli alieni lo hanno ridotto in stato quasi comatoso inserendogli un congegno nella testa, ma possono risvegliarlo in qualunque momento.
Mulder e Scully trovano il ragazzo e lo sceriffo nel bosco, e in uno sfolgorio di luce Billy riprende improvvisamente coscienza di sÚ, mentre i segni sulla schiena risultano scomparsi.
Scully riferisce ai suoi superiori di non poter suffragare la teoria di Mulder, se non con l'unica prova rimasta, il cilindro trovato nella cavitÓ nasale del cadavere che aveva tenuto nella tasca della giacca.
Mulder telefona a Scully per dirle che tutti i documenti relativi al caso sono stati distrutti, mentre l'Uomo che Fuma deposita l'oggetto alieno vicino a prove simili in un enorme magazzino del Pentagono.

Spiegazione del titolo: Ŕ l'episodio pilota della serie

Retroscena:
Una scritta, prima dell'episodio, afferma che la storia Ŕ "ispirata da rapporti reali e documentati", ovviamente questo Ŕ solo un pretesto per catturare l'attenzione del pubblico.
Il copione originale di Carter prevedeva una scena di Scully con il suo fidanzato, Ethan Minette, che venne tagliata nella versione definitiva. Inoltre, sempre nel copione originale, ad un certo punto Mulder e Scully si sarebbero dovuti mettere a ululare alla luna.
L'orologio nella scena finale segna le 11:22 P.M., un numero ricorrente nella serie, visto che si tratta del compleanno (21 novembre) della moglie di Carter, Dori.
Il dr. Heitz Werber, l'ipnoterapeuta che interroga Billy Ŕ lo stesso che aveva portato Mulder a recuperare i ricordi del rapimento di sua sorella, tramite l'ipnosi regressiva.

Episodio Seguente