1x02 Squeeze

Omicidi del terzo tipo

Scritto da: Glen Morgan and James Wong
Diretto da: Harry Longstreet
Data di trasmissione USA: 24 Settembre 1993
Data di trasmissione Italia: 06 Luglio 1994

Un uomo viene ucciso nel suo ufficio da un omicida che si intrufola strisciando attraverso una presa d'aria.
Tom Colton, un amico di Scully, le parla del caso: tre vittime trovate morte con il fegato estirpato a mani nude, in stanze chiuse dall'interno. Mulder si unisce all'indagine nonostante il disprezzo di Colton e trova un'impronta digitale insolitamente lunga vicino alla presa d'aria. L'impronta digitale corrisponde a quelle trovate in precedenti omicidi, classificati come X-Files, avvenuti ogni 30 anni dal 1903. Ogni volta le vittime erano state cinque, perciò all'assassino ne mancano ancora due.
Controllando, su suggerimento di Scully, la scena del delitto gli agenti catturano un sospetto, Eugene Victors Tooms, mentre striscia nel condotto d'areazione. Tooms supera la prova della macchina della verità e viene liberato prima che Mulder noti che le sue impronte digitali, se allungate al computer, sono uguali a quelle trovate negli omicidi. Poco tempo dopo Tooms uccide ancora, scivolando giù per un camino: gli manca una sola vittima.
Mulder e Scully rintracciano il detective che aveva indagato sui file del 1963, il quale li informa che l'indiziato era stato coinvolto anche in quelli del 1933. Mostra loro un foto di Tooms: non è invecchiato. Recandosi al palazzo dove Tooms aveva vissuto negli anni Sessanta, Mulder e Scully trovano uno strano nido composto di giornali e bile. Mulder ipotizza che Tooms sia un mutante e che abbia bisogno di 5 fegati per poi ibernarsi per 30 anni. Tooms, che prende un ricordo da ogni vittima, li osserva dall'alto e ruba la catenina di Scully.
Scully torna a casa seguita dall'omicida. Quando Mulder torna alla tana di Tooms e vede la catenina di Scully, capisce che sarà lei la prossima vittima, quindi corre al suo appartamento e cattura Tooms dopo una breve lotta.
Nella sua cella Tooms inizia a costruire un nuovo nido, quando una guardia gli passa il cibo attraverso una feritoia, Tooms osserva l'apertura e sorride.

Spiegazione del titolo: "schiacciare", indica la capacità del protagonista di allungare gli arti

Retroscena:
Siccome i primi due episodi parlavano di UFO, la Fox Broadcasting voleva vedere una storia di tipo diverso. Gli sceneggiatori trassero ispirazione da Jack lo Squartatore e da una grande apertura per la ventilazione accanto alla porta del loro ufficio. Quando Doug Hutchison arrivò all'audizione, Morgan lo ritenne troppo giovane per interpretare Tooms, ma l'attore stupì tutti con la sua reazione improvvisata alle istruzioni piuttosto bizzare del regista di "passare da una posizione neutrale a una d'attacco". Hutchison entrò nel personaggio e digrignò con ferocia i denti verso il regista. Carter dice che il proprio contributo all'episodio si limita al fatto che era appena tornato dalla Francia dove aveva mangiato molto "fois gras", il fegato così vene scelto anche perché "era molto più divertente di ogni altro organo". Doug Hutchison nella vita reale è vegetariano e per ringraziare Carter del suo ruolo gli ha spedito un fegato di bue intero
Per la scena in cui Tooms entra dal camino vennero costruite due cappe: la prima più stretta per l'entrata, la seconda più larga per l'uscita dell'attore dal camino. Il caso volle che a Vancouver venisse trovato Pepper, un contorsionista che si infilò dritto dritto nella cappa più piccola.

Episodio Precedente - Episodio Seguente