2x24 Our Town

La nostra città

Scritto da: Frank Spotnitz
Diretto da:: Rob Bowman
Data di trasmissione USA: 12 Maggio 1995
Data di trasmissione Italia: 7 Gennaio 1996

George Kearns viene condotto nei boschi da una donna, Paula. Viene circondato da luci e vede un uomo con una maschera tribale: urla mentre un'ascia cerimoniale scende su di lui. Kearns era un ispettore federale che stava per suggerire la chiusura per gravi violazioni sanitarie, di un impianto per l'allevameto e la lavorazione del pollame, che è il cuore stesso della cittadina, il Chaco Chiken. Mulder è incuriosito dalla scomparsa dell'agente, anche perché nella zona sono stati visti dei fuochi fatui e un'area bruciata di 4 metri di diametro.
Paula, assalita da allucinazioni mentre è al lavoro, prende in ostaggio il direttore. Lo sceriffo è costretto a spararle.
Scully ottiene il permesso per eseguire l'autopsia dal nonno dellla donna, Mr. Chaco, che ha fondato lo stabilimento e la cittadina. La scheda di Paula mostra che era nata nel 1948, e che quindi avrebbe 47 anni. Inoltre si scopre che la donna era affetta dalla stessa malattia, molto rara, di cui soffriva Kearns: il morbo di Creutzfeldt-Jacob.
Mulder decide di far dragare il fiume e vengono ritrovati 9 scheletri senza testa; le ossa sembrano essere state bollite. Nella stessa zona sono scomparse 87 persone in 50 anni, e Mulder ipotizza si possa trattare di cannibalismo, praticato in alcune tribù con la credenza che allunghi la vita. Perciò, la malattia di Kearns potrebbe essere stata contratta tramite ingestione della carne.
Mulder e Scully scoprono che gli atti di nascita degli abitanti della città sono stati distrutti. La moglie di Kearns telefona agli agenti, dicendo di essere impaurita da Chaco, ma in quel momento alle sue spalle appare l'uomo con la maschera tribale. Scully corre in suo aiuto, mentre Mulder va a casa di Chaco, dove trova un armadio pieno di teste umane.
Chaco cattura Scully e la porta a una cerimonia alla quale partecipano molti abitanti. Chaco discute con il direttore dell'impianto, ma viene decapitato, e lo stesso trattamento sta per essere impartito anche a Sully.
Mulder giunge sulla scena e spara al boia, che si scopre essere lo sceriffo. La fabbrica viene chiusa e, anche se non è possibile sapere quanti abitanti abbiano preso parte agli atti di cannibalismo, 27 di loro contraggono il morbo.
Scully narra fuori campo che Chaco, durante la 2° Guerra Mondiale aveva passato 6 mesi con la tribù Jale in Nuova Guinea, le cui abitudine cannibalistiche sono state sospettate, ma mai provate. Aveva 93 anni e i suoi resti non sono stati ritrovati. Nel frattempo, un bracciante trova un ciuffo di capelli nel pastone per le galline, che stanno beccando avidamente.

Spiegazione del titolo: citazione da un opera di Thornton Wilder con lo stesso titolo

Retroscena:
Frank Spotniz ha tratto il primo spunto per questo episodio dal film Bad Day at Black Rock, con Spencer Tracy, ambientato in una cittadina che nascondeva un terribile segreto. Inoltre, trovò un articolo riguardante salamandre che si ammalavano dopo aver mangiato altre salamandre. Infine si consultò con il fratello neurochirurgo, che suggerì la rara malattia.
Parte del materiale raccolto sulle tribù cannibali si ricollega alle ricerche svolte sugli Anasazi, a cui si ispira Chris Carter nell'episodio seguente. Il nome Chaco deriva dal Chaco Canyon, dove si ritiene che gli Anasazi vivessero.

Episodio Precedente - Episodio Seguente