3x23 Wetwired

Messaggi occulti

Scritto da: Mat Beck
Diretto da:: Rob Bowman
Data di trasmissione USA: 10 Maggio 1996
Data di trasmissione Italia: 21 Novembre 1996

Un uomo seppellisce un corpo in una fossa. In seguito, in cucina uccide quello che sembra essere lo stesso uomo che aveva sepolto. Quando arriva la polizia, l'uomo sta nascondendo il cadavere nel bagagliaio. Ma anche i poliziotti hanno lo stesso volto dell'uomo ucciso. Con orrore, l'uomo si accorge che il corpo nel bagagliaio è quello di sua moglie.
Mulder incontra l'Uomo in Borghese, un nuovo informatore anonimo che gli consegna un articolo di giornale che parla degli omicidi, dicendogli che altra gente morirà se lui non si occuperà del caso.
Recatosi nell'ospedale psichiatrico dove è ricoverato l'omicida, Mulder e Scully scoprono che ha assassinato cinque persone credendo di uccidere sempre lo stesso uomo. E che anche una baby-sitter è coinvolta in una serie di delitti avvenuti nella stessa cittadina. Il medico che segue il caso, il dott. Stroman, dice che l'uomo è soggetto a crisi d'ira causate da anfetamine.
Ispezionando la casa dell'assassino, Mulder nota un uomo che lavora su un palo del telefono e scopre centinaia di videocassette che contengono registrazioni di telegiornali trasmessi via cavo. Gli agenti visionano i video e Scully ipotizza che la visione di tanta violenza possa aver condizionato l'uomo. Mulder invece afferma che la TV non può spingere un uomo sano di mente a uccidere cinque persone pensando che sia sempre la stessa.
La sera, Scully, uscendo a prendere del ghiaccio, vede Mulder sulla loro auto consegnare un nastro all'Uomo che Fuma. Mulder nega però di essere uscito con l'auto.
Il giorno seguente, una donna lava i piatti mentre ascolta la TV e vede il marito amoreggiare con un'altra donna nel giardino di casa e gli spara. Gli investigatori giunti sul posto trovano però solo il cadavere del vicino di casa, mentre nell'appartamento della donna vengono rinvenute altre videocassette. Mulder intravede lo stesso tecnico della TV via cavo, si allontana però prima che possa raggiungerlo. Sul palo, Mulder trova uno strano congegno. Scully continua a apparire strana e a disagio.
Mulder porta il congegno ai Lone Gunmen, secondo i quali si tratta di un apparecchio sofisticato in grado di emettere un segnale sconosciuto. Mulder telefona alla collega per spiegarle che forse qualcuno sta conducendo misteriosi esperimenti nella cittadina. Scully reagisce in modo paranoico, interrompendo la comunicazione per cercare microspie in tutta la stanza. Udendo bussare, estrae la pistola e spara diversi colpi verso la porta, fuggendo prima che Mulder riesca a entrare.
Mulder contatta la madre di Scully per chiederle se ha notizia della figlia, e informa Skinner che a suo parere la collega soffre di psicosi paranoica. Nel frattempo, i Lone Gunmen hanno analizzato il congegno, che ritengono esercitare un controllo mentale; probabilmente Mulder si è dimostrato immune al suo effetto perché il colore è importante, e l'agente è daltonico.
La polizia informa Mulder del ritrovamento di un corpo che potrebbe essere quello di Scully; fortunatamente non è lei.
Mulder si reca dalla madre di Scully. La figlia è lì e punta l'arma contro il collega accusandolo di non essersi mai fidato di lei. La signora Scully riesce a calmare la figlia, che viene portata in ospedale.
Mulder ipotizza che i segnali video agiscano scatenando le paure nascoste delle persone. Scully gli racconta di averlo visto parlare con l'Uomo che Fuma, e Mulder afferma che potrebbe essere coinvolto.
Mulder cerca di contattate il dott. Stroman, che però risulta introvabile. Nella camera del dottore, Mulder trova dei mozziconi di sigaretta. Mulder rintraccia Stroman a un altro indirizzo e vede entrare anche l'uomo della TV via cavo. L'agente sente degli spari e trova entrambi gli uomini morti: "è arrivato troppo tardi" afferma Mr.X.
Quando Mulder gli domanda perché si sia servito di un intermediario per coinvolgerlo nel caso se poi lui stesso doveva uccidere i responsabili, Mr.X risponde che quelli erano i suoi ordini e che aveva sperato che Mulder li raggiungesse prima di lui.
Quando Skinner chiede informazioni sui delitti, Mulder risponde che restano opera di ignoti.
Mr.X sale su un'auto con l'Uomo che Fuma, il quale gli chiede se ha completato il suo lavoro. Mr.X risponde che tutto il personale, l'apparecchiatura e la fonte di Mulder sono stati eliminati. Quando l'Uomo che Fuma si domanda chi possa essere la fonte primaria, Mr.X replica che la sua identità resta ignota.

Spiegazione del titolo:

Retroscena:
Lo scrittore di questo episodio, Mat Beck, è il produttore degli effetti speciali di The X-Files. Beck si è laureato ad Harvard con una tesi sulla percezione visiva. Per questo episodio, si è ispirato non solo alle frequenti discussioni sulla violenza televisiva, ma al suo stesso desiderio di esplorare gli effetti che la televisione ha sugli esseri umani.
Il personaggio dell'Uomo in Borghese, che agisce come messaggero di Mr.X, è stato introdotto poiché Williams (Mr.X) aveva un conflitto di date con la produzione di un'altra serie, L.A. Heat.

Episodio Precededente - Episodio Seguente