7x04 Millennium

Millennium

Scritto da: Vince Gilligan & Frank Spotniz
Diretto da:: Thomas J. Wright
Data di trasmissione USA: 28 Novembre 1999
Data di trasmissione Italia: 23 Aprile 2000

E’ l’11 dicembre 1999 e siamo in un cimitero, dove è appena terminato il funerale di un uomo che si è suicidato. Se ne sono già andati tutti, tranne un uomo, Mr. Johnson, che apre la bara e sostituisce la sua camicia con quella del cadavere, poi infila un cellulare nella bara. Il 29 dicembre Johnson ha parcheggiato l’auto davanti al cimitero e sta aspettando. Suona il cellulare e l’uomo esce dall’auto con una pala. Il 30 dicembre Scully arriva al cimitero. Il sepolcro dove era stata deposta la bara è aperto e Mulder è all’interno della buca, il corpo è scomparso. Intorno alla tomba c’è un cerchio di sangue. Stanno indagando perché l’uomo morto era un agente dell’FBI. Mulder scopre che la fodera della bara è graffiato e ci sono delle impronte del morto dentro la bara e sulla lapide. Sembra quasi che il morto stesse cercando di uscire dalla bara, comunque la pioggia ha cancellato gran parte delle prove. Scully pensa che le prove sono state manipolate.
Più tardi ad un meeting nell’ufficio di Skinner Mulder spiega che assomiglia ad un atto di negromanzia, il tentativo di resuscitare i morti. Finito il meeting Skinner trattiene Mulder e Scully per mostrare loro il simbolo del gruppo Millenium: il serpente che si morde la coda. Mulder e Scully spiegano che il gruppo è formato da ex agenti dell’FBI caduti in disgrazia. In realtà fanno parte di un culto che crede nella fine del mondo. Qualche mese prima il gruppo si è disgregato, ma il cerchio di sangue ritrovato intorno alla tomba assomiglia al simbolo usato dal gruppo. Skinner riassume ai due agenti i dettagli relativi agli altri tre casi di profanazione di tombe avvenuti negli ultimi sei mesi.
Skinner invia Mulder e Scully ad indagare sul Gruppo Millenium. I due si recano in un istituto di malati di mente dove si è fatto ricoverare Frank Black per un periodo di osservazione. Mulder conosce la sua reputazione, Frank era nella stessa sezione di crimini violenti di Mulder, prima che Mulder vi fosse assegnato. Gli agenti spiegano a Frank che non sono riusciti a reperire nessuna informazione sul Gruppo, i suoi membri e le loro credenze. Frank ammette di aver conosciuto i quattro agenti morti, ma rifiuta di aiutare nelle indagini. Mulder gli fa notare che il giorno dopo è il 31 dicembre, una data significativa per il Gruppo Millenium, il quale crede che con l’arrivo del nuovo Millennio ci sia la fine del mondo.
Mentre percorre una strada di campagna in Maryland a Johnson si buca una gomma dell’auto. Un vice sceriffo si ferma per aiutarlo e sente un cattivo odore, poi vede delle mosche svolazzare all’interno dell’auto. Incuriosito si avvicina e scopre un cadavere, che si rianima ed uccide il vice sceriffo. Il giorno dopo, sulla scena del crimine, Mulder conclude che il negromante è passato di lì, in quanto al suolo c’è un cerchio di sale, un simbolo di protezione, abbastanza largo perché potesse starci dentro una persona. Viene ritrovato il corpo del vice sceriffo, con la bocca cucita con alcune graffette ed all’interno un biglietto recante una citazione dalla Bibbia, dal libro dell’Apocalisse.
Gli agenti ritornano da Frank. Scully comprende la sua paura di perdere la figlia, in quanto sta lottando con i parenti della sua defunta moglie per l’affidamento, ma Mulder gli chiede di dar loro almeno qualche suggerimento. Frank spiega che il libro dell’Apocalisse spiega la fine del mondo fisico in una battaglia fra il Paradiso e l’Inferno, fra il bene ed il male. Il Gruppo Millenium riteneva che quel giorno fosse ormai alle porte, i quattro agenti morti rappresentano uno scisma nel gruppo, credono che l’uomo sia obbligato a contribuire all’inevitabile fine del mondo come elemento attivo. Questa convinzione li ha spinti al suicidio, con il preciso scopo di essere riportati in vita, per diventare i quattro cavalieri dell’Apocalisse, quattro uomini che simboleggiano Guerra, Pestilenza, Morte e Carestia. Si basano sulla convinzione dell’Armageddon: i morti risorgeranno e ciò si verificherà all’alba del nuovo millennio, o mai più. Il negromante non fa parte del Gruppo, è stato abbindolato facendogli credere di agire per la volontà di Dio. Frank non dice chi è, ma ne fa un profilo accurato. Quando apprenderà che il cadavere è stato trovato, il negromante si renderà conto che deve intervenire immediatamente. Mulder intuisce che trovare i quattro cavalieri dell’Apocalisse è molto più importante che trovare il negromante.
Scully fa notare che il 2000 è solo un confine artificiale, anche perché è nel 2001 che avrà inizio il terzo millennio. Mulder non dà peso alla cosa, pensa che il vice sceriffo sia stato ucciso nei pressi della casa del negromante. Mulder chiede a Scully di andare all’obitorio per assicurarsi che nessuno tolga le graffette dalla bocca del cadavere. All’obitorio il dottore rimuove le graffette, trova la bocca piena di sale e lo rimuove. Quando Scully arriva le luci dell’obitorio sono spente. Una scia di sangue la conduce dal dottore, ferito. Arrivano Johnson e poi anche il vice sceriffo. Scully gli spara al petto, ma il vice sceriffo non si ferma e la aggredisce. Più tardi arriva Skinner. Il dottore viene portato via su una barella. Il corpo del vice sceriffo è steso sul pavimento, con dei fori di pallottola nel petto ed uno in testa. Scully, che è ferita, dichiara che è stato il vice sceriffo ad attaccarla. Johnson gli ha sparato in testa e l’ha salvata, ma poi è fuggito e lei non era in condizione di seguirlo. Scully e Skinner sono preoccupati per Mulder, che non risponde al suo cellulare.
Mulder sta ispezionando le case vicine al luogo in cui è stato ucciso il vice sceriffo, una ad una, in quella zona il suo telefono non riceve. Arriva a casa di Johnson. Il cancello è sprangato, ma rovistando tra i bidoni dei rifiuti Mulder trova una grande quantità di contenitori di sale vuoti. Prende una manciata di sale e la mette nella tasca del cappotto, poi scavalca il cancello. Johnson non è a casa, Mulder entra nel sotterraneo e viene attaccato da un gruppo di zombie. Johnson, che è arrivato a casa, blocca la porta del sotterraneo, mentre Mulder continua a sparare agli zombie. Frank si rifiuta ancora di aiutare Scully, che è sempre più preoccupata per Mulder. Frank ha passato anni a cercare di dare un senso alla dottrina del gruppo Millenium. Andando contro ogni sua credenza Scully gli chiede se il Gruppo è veramente in grado di provocare la fine del mondo. Frank non risponde alla sua domanda, ma quando Scully se ne va, decide di uscire dall’istituto. Più tardi Skinner contatta Scully per dirle che ha scoperto che Frank è stato contattato telefonicamente più volte dalla contea di Rice, in Maryland.
Frank arriva a casa di Johnson che è sorpreso di vederlo, diventa chiaro che Frank era originariamente destinato a diventare uno dei quattro cavalieri. Johnson dice a Frank che Mulder è riuscito ad uccidere uno dei quattro, sparandogli alla testa. Adesso che Frank è tornato può diventare il quarto cavaliere. Frank non desidera venire coinvolto, ma adesso che sa che la negromanzia ha avuto successo, non può restare indifferente. Johnson afferma che non c’è giustizia in questo mondo, ma ci sarà nel prossimo. Frank sorprende Johnson puntandogli contro una pistola e legandolo, poi si dirige verso il sotterraneo. Mulder è ferito e gli dice che per eliminare gli zombie bisogna mirare alla testa. Mulder si sta proteggendo con un cerchio di sale tracciato sul pavimento. Frank riesce ad eliminarne un altro, ma quando si volta verso Mulder per aiutarlo, un terzo zombie lo attacca ed i due iniziano a lottare. Mulder afferra la pistola e lo elimina, ma il quarto zombie attacca di nuovo Frank e la pistola è scarica. Arriva Scully che spara dai gradini del sotterraneo e lo uccide.
Mancano pochi minuti alla mezzanotte, Scully e Frank sono all’ospedale dove hanno portato Mulder per curare il braccio, che adesso è bendato. Johnson verrà al più presto sottoposto ad una perizia psichiatrica e verrà vigilato per impedirgli di suicidarsi. Scully fa una sorpresa a Frank, portandogli la figlia. Frank se ne va, lasciando Mulder e Scully soli nel corridoio dell’ospedale. Una televisione sta trasmettendo la trasmissione di Dick Clark, mancano 10 secondi all’anno nuovo. A mezzanotte, mentre la folla alla TV accoglie il 200 cantando, Mulder e Scully si baciano sulle labbra, lentamente. Quando le loro labbra si separano Mulder dice “Non è la fine del mondo, vero?” e Scully gli risponde “No, direi di no.”. I due abbandonano l’ospedale, il braccio di Mulder intorno alle spalle di Scully.

Grazie a Fairy ^^

Spiegazione del titolo: Si tratta del crossover tra le due serie di Chris Carter, X-Files e Millennium. Inoltre, nell'episodio viene festeggiato l'arrivo del nuovo millennio.

Retroscena:

Episodio Precedente - Episodio Successivo