7x08 The Amazing Maleeni

Magie

Scritto da: Vince Gilligan, John Shiban e Frank Spotnitz
Diretto da:: Thomas J. Wright
Data di trasmissione USA: 16 Gennaio 2000
Data di trasmissione Italia: 7 Maggio 2000

In un parco divertimenti di Santa Monica un mago, il fantastico Maleeni, mette in scena uno spettacolo. Uno spettatore si lamenta che i trucchi sono vecchi di cent’anni e vuole vedere un vero trucco. Maleeni, allora, fa ruotare la testa di 360 gradi, stupendo il pubblico. Più tardi, quando il proprietario del parco si reca al furgoncino di Maleeni per pagarlo, lo trova seduto al posto di guida e quando si avvicina la sua testa si stacca dal corpo e cade a terra. Mulder e Scully si recano al parco per indagare.
Scully non è colpita dal caso, è convinta che il gioco di prestigio non sia correlato alla successiva morte. Mulder pensa che si tratti di un trucco magico finito male. Un turista ha filmato tutto lo spettacolo. Nel video gli agenti vedono lo spettatore che si lamenta. Mulder non ha idea di come fare a rintracciarlo, ma Scully gli fa notare che nel filmato si vede lo spettatore gettare un bicchierino di plastica nel cestino della spazzatura. Analizzando le impronte sul bicchiere, risalgono ad un borseggiatore di nome Billy Labonge. Labonge si dimostra molto abile nei trucchi con le carte e dichiara che Maleeni non era un bravo mago. L’uomo mostra agli agenti un trucco simile, facendo ruotare la mano di 360 gradi e dichiara che a Maleeni mancavano stile e personalità. Mentre si dirigono verso l’uscita Labonge restituisce a Mulder e Scully i loro distintivi, che ha rubato mentre stavano parlando.
Scully esegue l’autopsia sul corpo di Maleeni, identificato come Herman Pinchbeck, ed è sconcertata. La sua testa è stata accuratamente segata e poi riattaccata con un collante, ma apparentemente è morto d’infarto almeno un mese prima ed è stato conservato in un congelatore.
Labonge si reca in una sala da biliardo e parla con un uomo, di nome Cissy Alvarez, dal corpo ricoperto di tatuaggi. Labonge gli chiede se ci tiene a riavere i soldi che gli deve Maleeni e lui si mostra interessato.
Alla Cradok Marine Bank, Mulder e Scully parlano col fratello gemello di Herman, Albert Pinchbeck. Mulder pensa che lui abbia fatto lo spettacolo al posto del fratello, ma Albert è rimasto coinvolto in un incidente automobilistico in cui ha perso le gambe. Albert fa un gioco di prestigio con le carte e spiega agli agenti che lui e suo fratello anni prima facevano i maghi. Gli agenti ritornano da Labonge per farsi consigliare. L’uomo esamina il furgoncino di Maleeni, ma non riesce a trovare nessun nascondiglio in cui poteva essere stato riposto il corpo. Mulder, però, trova una carta da gioco. Nel frattempo Pinchbeck visita il caveau della banca e chiede alla guardia se può esaminare la sua pistola. Alvarez si presenta nell’ufficio di Albert affermando che lui avrebbe dovuto rimborsargli i debiti di gioco contratti dal fratello.
Un furgone blindato si ferma lungo la strada quando l’autista sente un rumore sospetto. Lui e la guardia aprono il retro del furgone e vi trovano un uomo mascherato con un tatuaggio sulla mano. La guardia gli spara, ma l’uomo riesce a fuggire. Si tratta di Labonge con un finto tatuaggio sulla mano. Gli agenti interrogano Alvarez, ma lui nega di essere coinvolto nella rapina. Mulder dice a Scully che secondo lui qualcuno li sta sviando. Labonge li osserva mentre si allontanano in auto, poi chiama la polizia dicendo che c’è un uomo armato nel locale di Alvarez. Labonge entra nel locale di Alvarez, che lo minaccia, arriva la polizia e Labonge viene arrestato.
Mulder e Scully ritornano da Albert Pinchbeck. Mulder lo sbatte giù dalla sedia a rotelle e si scopre che non ha perso le gambe. Albert in realtà è Herman, nascosto per paura dei debiti di gioco. Si era recato dal fratello per chiedergli un prestito e l’ha trovato morto ed ha colto l’opportunità di scambiare le identità. Ha falsificato l’incidente e la perdita delle gambe e si è fatto passare per Albert. Herman viene arrestato, ma Mulder non pensa che abbia detto la verità sul perché ha preso l’identità del fratello.
Il presidente della banca è preoccupato che magari Herman sia entrato nel sistema di trasferimento elettronico dei fondi bancari, ma non è accaduto niente di simile. Il presidente spiega a Mulder che per indagare sui Fondi Bancari servono il numero del suo distintivo, le impronte digitali e possibilmente l’autorizzazione del tribunale. Scully viene a sapere del fallito tentativo di rapina al furgone blindato, è stato Pinchbeck a firmare l’autorizzazione. Alla stazione di polizia, Labonge è nella cella accanto a quella di Pinchbeck, i due si mettono a parlare ed è ovvio che sono d’accordo e che il loro piano sta funzionando perfettamente.
Il giorno dopo si scopre che il caveau della banca è vuoto. Il video della sicurezza non mostra nulla, ma da un filmato di due giorni prima si vede che Alvarez si era recato alla banca e la guardia lo identifica come l’uomo dal tatuaggio sulla mano che ha tentato di rapinare il furgone. Al locale di Alvarez viene trovata la refurtiva e l’uomo viene arrestato, ma lui dichiara che si tratta di un piano architettato da Labonge.
Mulder e Scully sospettano che Labonge e Pinchbeck stiano lavorando assieme e si recano alla prigione, dove i due stanno per essere rilasciati. Gli agenti sono convinti che sia stato tutto programmato, fin dal principio. Albert, il banchiere, è morto ed Herman, il mago, ha preso il suo posto. Herman ha scambiato le cartucce della pistola del guardiano, con delle cartucce a salve. Hanno usato dei trucchi per uscire di prigione, prendere il denaro, nasconderlo nel locale di Alvarez e tornare in prigione. Mulder dice che verranno rilasciati, perché non ci sono prove. Pinchbeck dice che i migliori sanno sempre quando è il momento di farsi da parte. In quel momento si scopre che Mulder ha il portafoglio di Pinchbeck. Perché uno schema così elaborato? Mulder spiega che si trattava veramente dei Trasferimenti Elettronici dei fondi bancari, un agente federale avrebbe potuto ottenere l’autorizzazione per penetrarvi. I maghi erano riusciti a procurarsi il numero di distintivo e le impronte digitali di Mulder, nascondendosi dietro a dei trucchi magici, ma la carta da gioco con le impronte digitali è nel portafoglio che ha Mulder, quindi loro non avrebbero potuto portare a termine il piano. L’unica domanda ancora senza risposta è come ha fatto Maleeni a ruotare la testa di 360 gradi. Scully gli dimostra che è in grado di ruotare il braccio di 360 gradi, come aveva fatto Labonge. Mulder rimane col dubbio esclamando “Riesci sempre a stupirmi.”

Grazie a Fairy ^^

Spiegazione del titolo: "Il meraviglioso Maleeni"

Retroscena:

Episodio Precedente - Episodio Successivo